Scuola di Aikido Aikikai Imperia - Scuola affiliata all'Associazione di cultura tradizionale giapponese Aikikai d'Italia.
  • -----
    -----
Stage di dicembre
Imperia, 9 - 10 dicembre 2017
Organizzazione: Scuola di Aikido - Aikikai Imperia
Anche quest’anno, come da tradizione, ripercorrendo le orme del M° Hideki Hosokawa, 7° Dan e Vice Direttore Didattico dell’AIKIKAI D’ITALIA e rinnovando un appuntamento che da decenni si ripete con immutato spirito, si terrà il consueto STAGE DI DICEMBRE a Imperia presso il Dojo in Via Mazzini 53 nei giorni 9 e 10 dicembre 2017.
Lo stage, dedicato espressamente all’Aikido ed alle sue armi tradizionali, è organizzato dalla SCUOLA DI AIKIDO - AIKIKAI D’IMPERIA ed è diretto dal M° Carlo RAINERI, 7° Dan e Membro della Direzione Didattica dell’AIKIKAI D’ITALIA.

I partecipanti sono invitati a portare con sé il jo (bastone) ed il bokken (spada).

Portando da coprirsi, sarà possibile pernottare in dojo.


    • Villa Grock<br><br>
      Villa Grock

    • Il parco<br><br>
      Il parco

    • La <i>Sala della scatola magica (</i>o <i>del Giappone)</i><br><br>
      La Sala della scatola magica (o del Giappone)

    • Raffigurazione del <i>Monte Fuji</i><br><br>
      Raffigurazione del Monte Fuji

    • Particolare della parete<br><br>
      Particolare della parete

    • I<i> `ventagli` </i>sul soffitto<br><br>
      I `ventagli` sul soffitto

    Il Giappone che non ti aspetti...
    Imperia, 30 ottobre 2017
    Luciano Ligabue, qualche tempo fa, scriveva uno dei suoi cavalli di battaglia… Certe notti.
    Sabato mattina avrei voluto scrivere Certe volte.

    Certe volte la macchina è calda
    e dove ti porta lo decide lei.
    Certe volte la strada non conta

    e quello che conta è sentire che vai.
    Certe volte la Villa (Grock) che visiti

    sembra avere capito chi sei.
    Certe volte la stanza che guardi

    somiglia al Giappone che non ti aspetteresti mai.

    Solitamente quando si parla di Giappone a Imperia (al di fuori delle arti marziali e dei ristoranti di sushi) salta subito alla mente la figura di Ligustro. Sfido chiunque a trovare altri legami col Giappone.
    E invece, inaspettatamente, sabato mattina mi imbatto in una gradita sorpresa.

    Approfittando della bella giornata, del riposo settimanale e dell’apertura straordinaria di Villa Grock, decido di portare mio padre a fare un giro per il parco e visitare il Museo del clown.

    Arriviamo giusto in tempo per accodarci alla visita guidata e veniamo scorazzati per sale, scale e terrazze. Scopriamo la vita ed il talento eccezionale di Adrien Charles Wettach, in arte Grock. Veniamo a conoscenza della genesi e della storia di parco e villa. Terminata la visita, scendiamo dalla terrazza del belvedere e decidiamo di visitare con calma le stanze dell’intero edificio. E gira di qui e gira di là, gioca di su e gioca di giù… arriviamo nella “Sala della scatola magica”, un locale sito al piano terzo del corpo torre-belvedere.

    Inizialmente la mia attenzione è attratta dalla scatola magica che campeggia al centro del vano… e infatti inizio a girare la manovella e a dar vita alle mille espressioni di un clown che magicamente appare sul visore. Soddisfatta la mia curiosità, e guardato il parco al di là della vetrata, mi giro con un kaiten e, al posto di continuare il mio giocoso girovagare, rimango rapito dalle pareti della sala. Inizialmente assorbite come pareti stranamente scure (nere) intervallate da porzioni di rosso, in un secondo tempo, focalizzando meglio la mia attenzione, scopro essere decorate con motivi floreali, paesaggi ed elementi tipicamente nipponici: le pareti nere diventano arazzi popolati da alberi, uccelli, stagni, monti, fiori ed il rosso racchiude scorci di paesaggi campestri del Paese del Sol levante. In questi quadri che sembrano raffigurazioni disegnate con gessi colorati su lastre di ardesia, come un ponte tra Giappone e Liguria, scorgiamo il Monte Fuji, paesaggi bucolici con porte di templi, salici piangenti a lambire un laghetto con pontile.

    Va bene! D’accordo che siamo in una villa di fine anni venti, periodo del liberty e di maggiore influenza dell’estetica orientale, ma è stato comunque un colpo!

    Belvedere, giardino, vetrate, laghetto con pagoda rientrano nell’Oriente che ti aspetti per quel periodo architettonico, ma il più delle volte tutto finisce lì… trovare richiami con decorazioni parietali, anche se non comune, è comunque non sorprendente… ma paesaggi e scene di vita così dettagliati…

    Inizio, allora, a guardarmi un po’ meglio in giro e buttando gli occhi al soffitto trovo i ganci dove era appeso un lampadario che si può solo immaginare (visto quanto a parete) ed a lato un affresco con quattro ventagli con paesaggi del monte Fuji di notte e al tramonto, di campi e di fiori…

    Ogni angolo della villa trasuda il forte legame tra Grock e la natura, dallo stile architettonico al parco fino ad arrivare alle decorazioni che, come ben illustrato dal nostro Cicerone (Roberta), mostrano sempre richiami con l’acqua: il ricciolo che ricorre in maniera ridondante in tutta la proprietà sotto forma di incisione, di graffito, di scultura in ferro battuto, di bassorilievo altro non sta a rappresentare se non l’acqua, appunto.

    Ora non voglio dilungarmi oltre sia per non scrivere un trattato sullo stile liberty sia perché i veri esperti sono le guide che lavorano a Villa Grock ed a queste ultime vi rimando per scoprire i segreti e le particolarità di un artista tanto eccezionale quanto la sua residenza.

    A tal fine, aperture straordinarie a parte, la struttura è aperta tutti i lunedì dalle 14:30 alle 17:30 e, durante la settimana, esclusivamente su appuntamento per un minimo di 10 persone.
    Poi… se volete sposarvi a Villa Grock… è possibile anche quello!

    Come in un circo… A Villa Grock tutto è possibile!


    P.S.: visitate www.villagrock.com  e www.museodelclown.it   

                                             -------------------------
      • Maestra Clara Gismondi e Maestro Carlo Raineri con bokken<br><br>
        Maestra Clara Gismondi e Maestro Carlo Raineri con bokken

      INIZIO `CORSO ARMI PER ADULTI`
      Imperia, 4 ottobre 2017
      Organizzazione: Scuola di Aikido - Aikikai Imperia
      Da questo pomeriggio, mercoledì 4 ottobre 2017, alle ore 19:30, presso la nostra Scuola di Aikido – Aikikai Imperia, sita in via Mazzini 53, inizieranno le lezioni del “CORSO ARMI PER ADULTI” dell’anno accademico 2017/2018.

      Il corso verterà sugli insegnamenti del Maestro Hiroshi Tada, 9° dan Aikikai Tokyo nonché Fondatore e Direttore Didattico dell’Aikikai d’Italia, e vedrà l’utilizzo delle tradizionali armi giapponesi: bokken (spada), jo (bastone) e tanto (pugnale).

      Il corso di armi si presenta sia come perfezionamento sia come base per la pratica dell’Aikido a mani nude ed è parte inscindibile dell’Aikido stesso.

      La lezione del mercoledì, dalle 19:30 alle 21:00 sarà tenuta dalla Maestra Clara Gismondi, 5° dan Aikikai d’Italia, e quella del venerdì dal Maestro Sergio Nappelli, 6° dan Aikikai d’Italia, sempre dalle 19:30 alle 21:00.

      Le iscrizioni sono ancora aperte, ma si fa presente che restano pochi posti disponibili per il “CORSO ADULTI” e solo 2 per il “CORSO RAGAZZI”.

                                                       -----------------
        • ------<br><br>
          ------

        INIZIO CORSI
        Anno Accademico 2017/2018
        Imperia, 5 settembre 2017
        Ortganizzazione: Scuola di Aikido - Aikikai Imperia
        Martedì 5 settembre 2017, alle ore 19:30, presso la nostra Scuola di Aikido – Aikikai Imperia, sita in via Mazzini 53, inizieranno le lezioni del “Corso Adulti” dell’anno accademico 2017/2018.

        Il corso verterà sugli insegnamenti del Maestro Hiroshi Tada, 9° dan Aikikai Tokyo nonché Fondatore e Direttore Didattico dell’Aikikai d’Italia.

        Per tutto il mese di settembre, le lezioni del corso adulti saranno tenute dal Maestro Carlo Raineri, 7° dan Aikikai d’Italia e membro della Direzione Didattica Aikikai d’Italia, esclusivamente il martedì ed il giovedì dalle 19:30 alle 21:00. Come tutti gli anni, a partire dal mese di ottobre, l’offerta didattica aumenterà con l’introduzione delle lezioni di armi (mercoledì e venerdì, sempre dalle 19:30 alle 21:00).

        Il “Corso Ragazzi” avrà invece inizio a partire da martedì 19 settembre alle ore 18:00 e le lezioni, come ogni anno, avranno luogo il martedì ed il giovedì dalle 18:00 alle 19:00 (per approfondimenti vedere pagina `Corso Ragazzi`).

        Per info ed iscrizioni, contattateci attraverso la pagina `Contatti e iscrizioni` oppure venite a trovarci in dojo durante l’orario di lezione.
          •       Foto di gruppo
            Foto di gruppo
          Stage di armi di Fine Agosto
          (pro Hosokawa)
          La Spezia, 25-26-27 agosto 2017
          Organizzazione: Scuola di Aikido - Aikikai Imperia
          Anche quest’anno, come da tradizione, ripercorrendo le orme del M° Hideki Hosokawa, 7° Dan e Vice Direttore Didattico dell’AIKIKAI D’ITALIA, i giorni 25-26-27 agosto 2017 avrà luogo il consueto STAGE DI FINE AGOSTO a La Spezia presso il Centro Sportivo del Dopolavoro Ferroviario “LE GIRAFFE”.

          Lo stage, dedicato espressamente all’insegnamento delle tradizionali armi giapponesi (la spada ovverosia “bokken”, il bastone “jo” ed il pugnale “tanto”), è organizzato dalla SCUOLA DI AIKIDO - AIKIKAI D’IMPERIA e diretto dal M° Carlo RAINERI, 7° Dan e membro della Direzione Didattica.

          Un sentito ringraziamento al Dojo Nippon di La Spezia ed al Maestro Franco Zoppi per il loro sempre indispensabile supporto.

                                                             ----------------
            • Aikido: Quaderno di Dojo
              Aikido: Quaderno di Dojo
            Aikido: Quaderno di Dojo
            di Alessandro Drovandi
            Invito alla lettura
            Durante una riunione di Consiglio prima dell’inizio del passato anno accademico (2015/2016), sarà stato il prosecco fresco fresco che scendeva come nettare, sarà stata la voglia di ultimare il sito con uno strumento dinamico ed allo stesso tempo mirato alla nostra crescita cultural-aikidoistica, prendeva corpo l’idea di realizzare uno spazio virtuale chiamato “Bibliocineteca”.

            Veniva così deciso di segnalare in esso, a cadenza mensile, i temi che mano a mano il Maestro Carlo (Raineri) avrebbe proposto durante le lezioni. Spunti teorici, riflessioni, parallelismi che stanno da sempre alla base delle lezioni settimanali. Un pretesto per pensare, per “staccarci” ed ampliare le nostre conoscenze artistiche, ma allo stesso modo per avvicinarci con leggerezza al pianeta “Giappone”.
            Bene. Deciso. Approvato.

            E perché non suggerire anche la lettura di un libro e la visione di un film?
            Bene. Deciso. Approvato.

            Poi si sa… ognuno ha i propri ritmi, tempi, vita… così mi è saltato in mente di provare a scrivere un libro che sviluppasse i temi complessi in modo semplice (non semplicistico), senza “paroloni”, con qualche illustrazione a supporto dei concetti espressi e con la presentazione dei libri e dei film anch’essi evidenziati mese per mese.
            Bene. Deciso. Approvato (solo da me).

            Pian piano scoprivo che stava nascendo una finestra su mondi apparentemente distanti dove il futuro (e fortunatissimo) lettore avrebbe scorto l'esistenza di innumerevoli ed inaspettati ponti tra Oriente ed Occidente e, più specificatamente, tra Aikido ed Occidente.
            In definitiva… roba da matti…

            E’ un testo di riflessione, non di insegnamento. E’ un testo nato all’interno dell’esperienza e della pratica del Dojo. Il libro vuole essere un’appendice a corredo delle lezioni del Maestro Carlo, un promemoria, uno strumento teorico (si spera) a completamento della pratica sul tatami.

            Quasi inutile, ma meglio essere precisi… il libro, sebbene balzerà immediatamente al primo posto nelle classifiche di vendita divenendo un best seller (e pietra miliare dell’Aikido), non ha alcun fine di lucro ed è espressamente un’iniziativa di carattere personale.
            Acquistabile su www.lulu.com il costo del libro va a coprire le spese di realizzazione e di commissione ed il simbolico margine restante (circa 5 ricchieuri) verrà versato dal sottoscritto alla Scuola di Aikido – Aikikai di Imperia per il perseguimento dei fini associativi.

            Non resta che augurare buona lettura e buona pratica. 


              Scuola di Aikido - Aikikai Imperia - via Mazzini, 53 - 18100 - Imperia - C.F.91006040082
              Associazione Culturale senza finalità di lucro affiliata all'Aikikai d'Italia
              Associazione di cultura tradizionale giapponese - Ente Morale d.p.r. 8/7/78
              - privacy
              Proseguendo la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie impiegati dal nostro sito.
              Per maggiori info