Scuola di Aikido Aikikai Imperia - Scuola affiliata all'Associazione di cultura tradizionale giapponese Aikikai d'Italia.
Assemblea dei Soci
Imperia 26 aprile 2018
Organizzazione: Scuola di Aikido - Aikikai Imperia
Il giorno 24 aprile 2018 alle ore 23:00 viene indetta in prima convocazione l'annuale Assemblea dei Soci.
In caso di nullità, avrà luogo in seconda convocazione il giorno giovedì 26 aprile c.a. alle ore 20:00 con il seguente Ordine del giorno:

1- Relazione del presidente sull'anno sociale 2017
2- Riforma del Terzo Settore: novità sul dojo
3- Resoconto Assemblea dei Delegati
4- Relazione del Responsabile didattico sull'anno 2017
5- Presentazione e relazione del Tesoriere su Bilancio consuntivo 2017 e preventivo 2018
6- Relazione dei Revisori
7- Votazione per approvanzione bilancio consuntivo 2017 e preventivo 2018
8- Varie ed eventuali

Vista la rilevanza dei temi all'Odg, viene richiesta la massima partecipazione.

IL PRESIDENTE
    • Hiroshi Tada Shihan con il Maestro Carlo Raineri ed i suoi allievi<br><br>
      Hiroshi Tada Shihan con il Maestro Carlo Raineri ed i suoi allievi

    AIKIDO: la carica dei 350!
    Bologna 24-25 marzo 2018
    Organizzazione: Aikikai d'Italia
    Sabato 24 e Domenica 25 marzo 2018, presso il Centro Sportivo Bernardi di Bologna, l’Aikikai d’Italia, ha organizzato uno Stage di Aikido condotto dal Maestro Hiroshi Tada, 9° dan e Direttore Didattico dell’Aikikai d’Italia.

    Davanti ad una folla di allievi provenienti da ogni parte d’Italia e non, il Maestro Tada ha trattato i temi del fluire dell’energia, della respirazione e l’applicazione di essi nella pratica dell’Aikido, tanto a mani nude quanto con le armi (spada e bastone).
    Le nozioni pratiche ed il pensiero del Maestro Tada, allievo diretto ed erede degli insegnamenti del fondatore dell’Aikido, Osensei Morihei Ueshiba, hanno trovato luogo in una grande partecipazione numerica e in un ambiente sereno, concentrato come solo i seminari di Aikido sanno essere.

    Il Maestro Tada completerà il suo tour europeo primaverile di Aikido insegnando a ROMA (Ostia) il prossimo fine settimana (31 marzo e 1 e 2 aprile) presso il “Pala di Fiore” e a PARIGI fra due settimane (7 e 8 aprile) presso l’ Institut du Judo – Dojo Shozo Awazu.

    La Scuola di Aikido - Aikikai Imperia con il suo Maestro, Carlo Raineri (7° dan e Membro della Direzione Didattica dell’Aikikai d’Italia) ha partecipato all’appuntamento di aggiornamento bolognese con una delegazione di insegnanti ed allievi.

    Il prossimo impegno della Scuola di Aikido – Aikikai Imperia avrà luogo nei giorni 21 e 22 aprile sempre al “Pala di Fiore” di Ostia in occasione dello Stage Nazionale condotto dagli insegnanti della Direzione Didattica (Maestri Aiello, Fabbretti, Raineri e Zucco)

    (Per fotografie dell'evento, visitate la pagina MULTIMEDIA>Immagini)
      • Momento di `Overtone` con bambini e genitori<br><br>
        Momento di `Overtone` con bambini e genitori

      Stage di aggiornamento
      per
      Istruttori di Aikido per bambini
      Buccinasco, 3 e 4 marzo 2018
      Organizzazione: Aikikai d' Italia - Dojo Ganbaru no kai Buccinasco (MI)
      Sabato 3 e domenica 4 marzo 2018, presso il Dojo Ganbaru no kai di Buccinasco (MI) dei Maestri Giacomo Birolini e Stefano D’Adamo, entrambi III° Dan Aikikai D’Italia ed Honbu Dojo di Tokyo, ha avuto luogo lo Stage di aggiornamento per Istruttori di Aikido per bambini.

      Lo stage è stato condotto dal Maestro Domenico Zucco, VII° Dan, Membro della Direzione Didattica dell’Aikikai d’Italia e professore diplomato I.S.E.F.

      Gli insegnanti della Scuola di Aikido – Aikikai Imperia hanno partecipato al seminario focalizzato su “Ginnastica formativa”, esercizi mirati al corretto sviluppo fisico del bambino, “Kinorenma per ragazzi”, visualizzazione e sviluppo della percezione sensoriale e “Yoga”, utilizzo di posizioni elementari come base per l’esecuzione di esercizi atti al miglioramento della psicomotricità e dell’equilibrio del bambino/ragazzo.

      Lo stage, in un clima di seria festosità, si è sviluppato in una due giorni di pratica con i bambini di Buccinasco, di dialogo con i genitori e di confronto con gli Istruttori intervenuti. 

                                                     -------------------
        • Il M° Carlo Raineri con gli esaminandi<br><br>
          Il M° Carlo Raineri con gli esaminandi

        Adulti: esami kyu
        Imperia, 20 febbraio 2018
        Organizzazione: Scuola di Aikido - Aikikai Imperia
        Martedì 20 marzo 2018, presso il Dojo della Scuola di Aikido – Aikikai Imperia, affiliato all’Aikikai d’Italia, ha avuto luogo la sessione invernale di esami per gradi kyu “Adulti” sotto l’attenta verifica del Maestro Carlo Raineri, 7° dan e Membro della Direzione Didattica dell’Aikikai d’Italia, ed alla presenza degli insegnanti e degli allievi del Dojo di Via Mazzini.
        A turno, nonostante la palpabile tensione, si sono cimentati con sicurezza in esercizi di respirazione, movimenti di base e, infine, in una serie di tecniche via via più complesse al crescere del grado a cui ognuno aspirava, dal 6° al 2°.
        Gli allievi hanno dato prova di maturità, ma soprattutto hanno evidenziato miglioramenti tecnici e psico-fisici che il corso ha prodotto durante il periodo di pratica.
        Nella pratica dell’Aikido, l’esame ed il grado non sono la mera traduzione di un’abilità tecnica: l’esame è un momento “premio” di un percorso di apprendimento ed allenamento. Il grado conseguito rispecchia la crescita della persona nel suo complesso, il raggiungimento di un livello superiore rispetto a quello di partenza, un livello che valuta il l’aikidoista nella sua interezza e, quindi, non esclusivamente nella sfera della fisicità (esteriore) ma anche in quella della personalità (interiore).

        Ai neo gradi kyu vanno le congratulazioni della Scuola.

        Per immagini dell’esame, visitate la sezione “MULTIMEDIA/FOTO” 
          • -----
            -----
          Nomina `Shihan`
          Tokyo, 22 gennaio 2018
          Da Aikikai Foundation
          `Il Consiglio Direttivo e il Collegio dei Revisori dei Conti si congratulano con i Maestri che hanno ottenuto la nomina a Shihan dal Doshu Ueshiba Moriteru.`

          Questo il messaggio pubblicato sul sito dell'Aikikai d'Italia.
          Ricevere questo titolo è il premio di una vita dedicata alla nostra Arte.

          Personalmente non so quali parole utilizzare per esprimere la felicità di tutto il Dojo di Imperia... Shihan Carlo e Shihan Sergio: `GRAZIE!`

          Il Presidente
            • M° Carlo Raineri e <i>uke</i> Domenico Bulzomì: <i>metzuke</i><br><br>
              M° Carlo Raineri e uke Domenico Bulzomì: metzuke

            • cheese...<br><br>(ulteriori immagini alla pagina<br>MULTIMEDIA / FOTO / 2017-Imperia-Stage Invernale)<br><br>
              cheese...

              (ulteriori immagini alla pagina
              MULTIMEDIA / FOTO / 2017-Imperia-Stage Invernale)

            Stage di dicembre
            Imperia, 9 - 10 dicembre 2017
            Organizzazione: Scuola di Aikido - Aikikai Imperia
            Metzuke

            A- Marchio di pneumatici giapponesi ad alte prestazioni
            B- Polpettina di riso avvolta in alga con ripieno di tonno o salmone
            C- Famoso fabbricante di katana nel film Kill Bill di Quentin Tarantino
            D- Fissare lo sguardo

            Andiamo per ordine.
            La risposta “A” sicuramente non è corretta: Toyo e Yokohama.
            “B” neanche. Ne sono sicurissimo! Le mie amatissime polpette di riso si chiamano onigiri.
            “C” neppure. Come si può dimenticare Hattori Hanzo ?
            Allora, per esclusione, è “D”. Sì… beh… ma… Totò direbbe: la risposta è giusticchia…

            Un glossario, sinteticamente, definisce metzuke come fissare lo sguardo. In un glossario non si può mica scrivere un poema. Non è un’enciclopedia. Nello stage appena concluso abbiamo trattato più approfonditamente questo tema. Non che non fosse un argomento mai trattato in dojo o in altri stage. Il Maestro Tada è una vita che batte su metzuke ed altri concetti affini.

            In principio al giovane aikidoka si dice di fissare lo sguardo verso un punto immaginario del tatami distante due o tre metri. Il kohai (giovane allievo) esegue correttamente e, formalmente, la tecnica è soddisfatta. Come inizio non c’è nulla da dire. In un secondo tempo verrà acquisita, oltre alla forma, anche… la sostanza.
            Ma in cosa consiste la sostanza? Quel non so che di immateriale che trascende dalla pura meccanicità dell’aspetto esteriore?

            Rispondendo a queste domande si scopre il pieno significato di metzuke : visione generale e completa del contesto.

            Anche questa risposta, sebbene più approfondita, è ancora incompleta.

            Metzuke è controllo. E’ governo. E’ il padroneggiare la situazione attraverso uno sguardo che non guarda.

            Avete presente quei quadri puntiformi da cui, stando ad una certa distanza e fissando lo sguardo in un punto utilizzando la visione periferica, improvvisamente appare un’immagine finita? Secondo me, è quanto più vicino al concetto di metzuke.
            Fissare il punto a due metri sul tatami non serve a guardare il punto preciso, ma a fare in modo, incollando meccanicamente l’occhio, di utilizzare la nostra visione periferica.
            Parallelamente all’esempio del quadro puntiforme… qual è la nostra immagine finita a cui agoniamo? Sicuramente non la Tour Eiffel o la Statua della Libertà… no… è il contesto.
            Attraverso questo metodo di visione, guardiamo verso un punto del tatami, ma vediamo il nostro uke dalla postura alle sue intenzioni, dalla mano al piede. Vediamo l’intero tatami avendo cognizione dello spazio (e del tempo). Vediamo persino noi stessi e sentiamo il comportamento del nostro corpo.

            Tanti altri concetti trovano contatto con metzuke. La definizione completa del termine e la sua applicazione nella pratica dell’Aikido ci permettono sempre e comunque di essere “soggetti” in relazione agli “oggetti” sul nostro percorso (sia sul tatami sia al di fuori di esso…). Controllo di sé e del resto. E questo controllo porta di conseguenza alla libertà. Libertà di movimento, di azione… di Aikido.

            Così come “chiudere ano, pot!” del Maestro Tada (mulabanda) permette un movimento libero di tutto il tronco, così come serrare le braccia al busto consente la libertà al bokken, allo stesso modo metzuke, fissando lo sguardo, ci rende liberi di agire e pensare.



            P.S.: ringraziamo i partecipanti allo stage appena concluso. La presenza di aikidoisti provenienti dalla provincia di Imperia, Savona, Torino, Forlì e anche dallo Stato di San Marino (!) ci rende felici nella pratica e nei legami di amicizia che ci uniscono. Alla prossima! 
              • Aikido: Quaderno di Dojo
                Aikido: Quaderno di Dojo
              Aikido: Quaderno di Dojo
              di Alessandro Drovandi
              Invito alla lettura
              Durante una riunione di Consiglio prima dell’inizio del passato anno accademico (2015/2016), sarà stato il prosecco fresco fresco che scendeva come nettare, sarà stata la voglia di ultimare il sito con uno strumento dinamico ed allo stesso tempo mirato alla nostra crescita cultural-aikidoistica, prendeva corpo l’idea di realizzare uno spazio virtuale chiamato “Bibliocineteca”.

              Veniva così deciso di segnalare in esso, a cadenza mensile, i temi che mano a mano il Maestro Carlo (Raineri) avrebbe proposto durante le lezioni. Spunti teorici, riflessioni, parallelismi che stanno da sempre alla base delle lezioni settimanali. Un pretesto per pensare, per “staccarci” ed ampliare le nostre conoscenze artistiche, ma allo stesso modo per avvicinarci con leggerezza al pianeta “Giappone”.
              Bene. Deciso. Approvato.

              E perché non suggerire anche la lettura di un libro e la visione di un film?
              Bene. Deciso. Approvato.

              Poi si sa… ognuno ha i propri ritmi, tempi, vita… così mi è saltato in mente di provare a scrivere un libro che sviluppasse i temi complessi in modo semplice (non semplicistico), senza “paroloni”, con qualche illustrazione a supporto dei concetti espressi e con la presentazione dei libri e dei film anch’essi evidenziati mese per mese.
              Bene. Deciso. Approvato (solo da me).

              Pian piano scoprivo che stava nascendo una finestra su mondi apparentemente distanti dove il futuro (e fortunatissimo) lettore avrebbe scorto l'esistenza di innumerevoli ed inaspettati ponti tra Oriente ed Occidente e, più specificatamente, tra Aikido ed Occidente.
              In definitiva… roba da matti…

              E’ un testo di riflessione, non di insegnamento. E’ un testo nato all’interno dell’esperienza e della pratica del Dojo. Il libro vuole essere un’appendice a corredo delle lezioni del Maestro Carlo, un promemoria, uno strumento teorico (si spera) a completamento della pratica sul tatami.

              Quasi inutile, ma meglio essere precisi… il libro, sebbene balzerà immediatamente al primo posto nelle classifiche di vendita divenendo un best seller (e pietra miliare dell’Aikido), non ha alcun fine di lucro ed è espressamente un’iniziativa di carattere personale.
              Acquistabile su www.lulu.com il costo del libro va a coprire le spese di realizzazione e di commissione ed il simbolico margine restante (circa 5 ricchieuri) verrà versato dal sottoscritto alla Scuola di Aikido – Aikikai di Imperia per il perseguimento dei fini associativi.

              Non resta che augurare buona lettura e buona pratica. 


                Scuola di Aikido - Aikikai Imperia - via Mazzini, 53 - 18100 - Imperia - C.F.91006040082
                Associazione Culturale senza finalità di lucro affiliata all'Aikikai d'Italia
                Associazione di cultura tradizionale giapponese - Ente Morale d.p.r. 8/7/78
                - privacy
                Proseguendo la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie impiegati dal nostro sito.
                Per maggiori info