Scuola di Aikido Aikikai Imperia - Scuola affiliata all'Associazione di cultura tradizionale giapponese Aikikai d'Italia.
  • Foto di gruppo a fine stage<br><br>
    Foto di gruppo a fine stage

  • Hiroshi Tada Shihan a Bologna<br>(altre immagini nella sezione `Multimedia > Foto`)
    Hiroshi Tada Shihan a Bologna
    (altre immagini nella sezione `Multimedia > Foto`)
Stage di Primavera a Bologna
Bologna, 8 e 9 Aprile 2017
Organizzazione: Aikikai d'Italia
Sabato 8 e Domenica 9 aprile 2017, presso il Centro Sportivo Bernardi di Bologna, l’Aikikai d’Italia, ha organizzato uno stage di Aikido condotto dal Maestro Hiroshi Tada, 9° dan e Direttore Didattico dell’Aikikai d’Italia.

Davanti ad una folla di allievi (350!) provenienti da ogni parte d’Italia e non, rappresentanti e Responsabili di Dojo, il Maestro Tada ha trattato i temi del fluire dell’energia, della respirazione e l’applicazione di essi nella pratica dell’Aikido, tanto a mani nude tanto con le armi (spada e bastone).

Le nozioni pratiche ed il pensiero del Maestro Tada, allievo diretto ed erede degli insegnamenti del fondatore dell’Aikido, Osensei Morihei Ueshiba, hanno trovato luogo in una grande partecipazione numerica e in un ambiente sereno, concentrato come solo i seminari di Aikido sanno essere.

Andare ad uno stage è sempre un grande appuntamento sia per aggiornarsi sia per ritrovare tanti amici… avere occasione di imparare e condividere assieme la passione per la cultura tradizionale giapponese è momento di grande ricchezza.

Il Maestro Tada completerà il suo tour europeo primaverile di Aikido insegnando a ROMA il prossimo fine settimana (15, 16 e 17 aprile) presso il Centro Sportivo Poseidon e a PARIGI fra due settimane (22 e 23 aprile) presso la Maison de la Culture du Japon.

La Scuola di Aikido - Aikikai Imperia sarà presente con il suo Maestro, Carlo Raineri (7° dan e Membro della Direzione Didattica dell’Aikikai d’Italia), all’appuntamento romano. 



IL RESOCONTO

Freschi freschi da quest’ultimo stage col Maestro Tada, abbiamo ancora ben impressi gli insegnamenti del nostro Direttore Didattico.

Fedele alla sua “via” (do), anche in questa occasione, ha spiegato i concetti fondamentali di energia, di respirazione e di sensibilità che da sempre caratterizzano il suo Aikido, l’Aikido di Osensei Morihei Ueshiba.

Ogni volta che si assiste ad una lezione di Tada Shihan si rimane stupiti dall’energia che emana e pervade il dojo intero. Partecipare agli esercizi preparatori di respirazione insieme ad altri 350 aikidoka è un’emozione che non può descriversi a parole… il movimento di un’onda umana sincrona che si alimenta e dona energia (ki) … una marea silenziosa che accoglie e rilascia… proprio come il ciclico movimento ondoso che si carica e si infrange.

Al raccoglimento introspettivo segue il tonante torifune! La memoria dell’eco e le vibrazioni sono ancora avvertibili! 350 “vogatori” autospronati all’unisono al grido di ei-ho ed ei-sa intervallate dal furitama (scuotimento dell’anima)!

Ancora una volta il Maestro Tada con la sua particolare ars oratoria ha trasmesso, con semplicità, la sua conoscenza aikidoistica fatta di pratica, di vita e di pensiero.

Gli aneddoti sulla sensibilità delle dita, sugli antichi metodi (orientali) utilizzati oggi nella vita pratica per migliorare la nostra esistenza o le nostre performance (lavorative e non) ci svegliano dal torpore dell’anestesia della quotidianità… già… sembrerà incredibile, ma personalmente, ho sempre la sensazione di passare il quotidiano a lambiccarmi il cervello su complicazioni (spesso assurde) perdendo di vista, appunto, la semplicità… persino l’ovvietà!

Ecco! Uno dei pregi del nostro Direttore Didattico, oltre all’Aikido nella pratica, sta nel riportarci coi piedi per terra, nel farci (ri)scoprire ciò che sta alla base di tutto. Una base, come detto, seppellita da… una montagna di inutilità!

Chi parla non è un fanatico che sta seduto sulla cima di un colle sorseggiando tè verde, ma uno scettico, un pragmatico, un figlio della ragione refrattario a tutto ciò che non riesce a spiegare con logica ed esperienza… eppure… il Maestro Tada riesce comunque a coinvolgermi (me come altri)!

Tada Shihan fa riscoprire il tatto, la sensibilità, la respirazione del corpo e della mente, fa sentire l’ossigeno che penetra nelle membra, fa provare sensazioni di stress e rilassamento che fanno riassaporare la quiete, fa guardare l’oggetto della nostra attenzione attraverso uno sguardo al generale, insegna ad appropriarci del nostro spazio ed a governarlo, a non essere rapiti dagli eventi ma ad essere padroni delle nostre scelte.

Troppo difficile esprimere queste sensazioni e questi insegnamenti “a parole”, ma sono sicuro che chi ha seguito almeno uno stage del Maestro Tada, riesce a comprendere a pieno le mie parole e che queste parole hanno risvegliato in lui/lei emozioni e sensazioni. 

                                         --------------------------------
    • Il M° Raineri durante la dimostrazione di una tecnica<br><br>
      Il M° Raineri durante la dimostrazione di una tecnica

    Stage Nazionale di Aikido
    Roma, 4 - 5 marzo 2017
    Organizzazione: Aikikai d'Italia
    Sabato 4 e Domenica 5 marzo 2017, presso il Centro Poseidon di Roma, l’Aikikai d’Italia, ha organizzato uno stage di Aikido condotto dalla Direzione Didattica.

    Il sabato pomeriggio ha visto le lezioni del M° Auro Fabbretti e del M° Pasquale Aiello, entrambi 7° dan. Il primo ha trattato l'esecuzione e l'evoluzione di tecniche in suwari waza mentre il secondo ha affrontato il significato del gesto e la presenza del bokken nella pratica a mani nude.

    La domenica mattina lo studio è proseguito con le lezioni del M° Carlo Raineri e del M° Domenico Zucco, entrambi 7° dan. Il primo ha portato in evidenza la continuità della tecnica, il fluire di essa e, di conseguenza, del ki (Ki no nagare) mentre il secondo ha posto l'attenzione sulla continuità della respirazione e l'importanza dell'elasticità mentale e fisica, tema arricchito da un momento di pratica di hojo (haru no tachi, primavera).

    Una `due giorni` di studio, ma anche occasione per incontrare i tanti amici sparsi in tutta Italia.

    (Immagini disponibili nella sezione `Foto` della pagina `MULTIMEDIA`)

                                                       --------------------------

      • Il colore del gesto - appunti nella pratica di HOJO<br><br>
        Il colore del gesto - appunti nella pratica di HOJO

      • La dedica del M° Bertini al nostro Dojo<br><br>
        La dedica del M° Bertini al nostro Dojo

      Il colore del gesto
      appunti nella pratica di HOJO
      di Flavio Bertini
      Invito alla lettura
      Hojo? Sì, Hojo.

      Avete presente quella pratica faticosissima di spada che si affronta con apposito (pesantissimo) bokken? Quella che richiede tanta concentrazione? Quella con la respirazione con la bocca? Quella con i piedi in parallelo posizionati su due binari?Sì, proprio quella.

      Trovare un testo di Hojo è un'impresa, trovare un testo dove, oltre la tecnica, l'Hojo esprime significato, sentimento e arte era impossibile. Era. Ora c'è:

      `Il colore del gesto - appunti nella pratica di HOJO`
      edito da CLEUP Casa Editrice (www.cleup.it)

      E' con piacere che portiamo in evidenza il libro del M° Flavio Bertini (testi ed immagini) e che vede la collaborazione del M° Domenico Zucco (immagini) e del neo Consigliere Marta Ragozzino (prefazione).

      Un libro da gustare un pò alla volta tra illustrazioni e pensieri. Un libro che è un omaggio all'insegnamento del M° Hideki Hosokawa, nostro vice Direttore Didattico. Un libro che è testimonianza di studio e passione.

      P.S.: una copia sarà a breve a disposizione nella biblioteca in Dojo.

                                                   -------------------------------

        • Aikido: Quaderno di Dojo
          Aikido: Quaderno di Dojo
        Aikido: Quaderno di Dojo
        di Alessandro Drovandi
        Invito alla lettura
        Durante una riunione di Consiglio prima dell’inizio del passato anno accademico (2015/2016), sarà stato il prosecco fresco fresco che scendeva come nettare, sarà stata la voglia di ultimare il sito con uno strumento dinamico ed allo stesso tempo mirato alla nostra crescita cultural-aikidoistica, prendeva corpo l’idea di realizzare uno spazio virtuale chiamato “Bibliocineteca”.

        Veniva così deciso di segnalare in esso, a cadenza mensile, i temi che mano a mano il Maestro Carlo (Raineri) avrebbe proposto durante le lezioni. Spunti teorici, riflessioni, parallelismi che stanno da sempre alla base delle lezioni settimanali. Un pretesto per pensare, per “staccarci” ed ampliare le nostre conoscenze artistiche, ma allo stesso modo per avvicinarci con leggerezza al pianeta “Giappone”.
        Bene. Deciso. Approvato.

        E perché non suggerire anche la lettura di un libro e la visione di un film?
        Bene. Deciso. Approvato.

        Poi si sa… ognuno ha i propri ritmi, tempi, vita… così mi è saltato in mente di provare a scrivere un libro che sviluppasse i temi complessi in modo semplice (non semplicistico), senza “paroloni”, con qualche illustrazione a supporto dei concetti espressi e con la presentazione dei libri e dei film anch’essi evidenziati mese per mese.
        Bene. Deciso. Approvato (solo da me).

        Pian piano scoprivo che stava nascendo una finestra su mondi apparentemente distanti dove il futuro (e fortunatissimo) lettore avrebbe scorto l'esistenza di innumerevoli ed inaspettati ponti tra Oriente ed Occidente e, più specificatamente, tra Aikido ed Occidente.
        In definitiva… roba da matti…

        E’ un testo di riflessione, non di insegnamento. E’ un testo nato all’interno dell’esperienza e della pratica del Dojo. Il libro vuole essere un’appendice a corredo delle lezioni del Maestro Carlo, un promemoria, uno strumento teorico (si spera) a completamento della pratica sul tatami.

        Quasi inutile, ma meglio essere precisi… il libro, sebbene balzerà immediatamente al primo posto nelle classifiche di vendita divenendo un best seller (e pietra miliare dell’Aikido), non ha alcun fine di lucro ed è espressamente un’iniziativa di carattere personale.
        Acquistabile su www.lulu.com il costo del libro va a coprire le spese di realizzazione e di commissione ed il simbolico margine restante (circa 5 ricchieuri) verrà versato dal sottoscritto alla Scuola di Aikido – Aikikai di Imperia per il perseguimento dei fini associativi.

        Non resta che augurare buona lettura e buona pratica. 


          Scuola di Aikido - Aikikai Imperia - via Mazzini, 53 - 18100 - Imperia - C.F.91006040082
          Associazione Culturale senza finalità di lucro affiliata all'Aikikai d'Italia
          Associazione di cultura tradizionale giapponese - Ente Morale d.p.r. 8/7/78
          - privacy
          Proseguendo la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie impiegati dal nostro sito.
          Per maggiori info